News

AVIS 1 - Villa Paola

14 Giugno 2024

IDI e Avis Roma firmano un protocollo d’intesa per la “salute” del paziente
Oggi, 14 giugno, in occasione della Giornata Mondiale del donatore di sangue, è stato firmato un protocollo d’intesa tra l'Istituto Dermopatico dell'Immacolata e l’associazione di volontariato AVIS Roma. Un'importante collaborazione che, nel corso dell'anno, vedrà i dermatologi dell'IDI partecipare attivamente agli eventi promossi da Avis nella capitale. Questa partnership prevede, infatti, la presenza dei medici specialisti dell'Istituto Dermopatico, i quali offriranno consulenze dermatologiche gratuite durante gli eventi organizzati da Avis. Unendo le forze, IDI e Avis mirano a promuovere la salute del paziente, fornendo assistenza medica e sensibilizzando sull'importanza della prevenzione e della cura della pelle. IDI e Avis Roma firmano un protocollo d’intesa per la “salute” del paziente In occasione della Giornata Mondiale del donatore di sangue, Avis ha messo a disposizione la propria autoemoteca per la raccolta di sangue presso l'Istituto Dermopatico dell'Immacolata. Una giornata di sensibilizzazione sull'importanza della donazione di sangue.   IMG 2122 scaled e1718356139702 - Villa Paola    

L'importanza di donare:

Il sangue e gli emocomponenti sono una necessità quotidiana che diventa critica ogni volta che scarseggiano, non solo durante eventi eccezionali come terremoti, disastri o incidenti, ma anche nella gestione ordinaria dell’attività sanitaria: trapianti, interventi chirurgici, pronto soccorso, terapie oncologiche per tumori e leucemie. Il sangue e i suoi componenti sono dunque strumenti terapeutici indispensabili per la vita e, poiché non possono essere riprodotti in laboratorio, la donazione rimane l'unica soluzione.
Giornata Mondiale del donatore di sangue 2024
Donare il sangue è un dovere civico, poiché la disponibilità di sangue è un patrimonio collettivo a cui tutti possiamo accedere in caso di bisogno. Diventare donatore significa affermare il valore della vita con gesti concreti, contribuendo in modo semplice e immediato a salvare vite. Donare il proprio sangue è un atto volontario e non retribuito che appella al nostro senso civico di aiuto verso chi è più in difficoltà. Le donazioni di donatori periodici, volontari, anonimi, non retribuiti e consapevoli rappresentano una garanzia per la salute sia di chi riceve sia di chi dona.  

Giornate di donazione e informazioni utili

Per tutte le informazioni visita il sito di Avis Roma
AdobeStock 411288873 - Villa Paola

13 Giugno 2024

L'IDI aderisce al Codice Etico di autodisciplina in favore della maternità
L'IDI – IRCCS, Istituto Dermopatico dell'Immacolata di Roma ha recentemente aderito al “Codice Etico di autodisciplina delle imprese responsabili in favore della maternità” attraverso la Fondazione Luigi Maria Monti. Questo codice, varato dal Ministro per la Famiglia, la Natalità e le Pari Opportunità, On.le Eugenia Roccella, ha l'obiettivo di promuovere un clima culturale ed economico favorevole alla maternità, evitando che le donne debbano scegliere tra carriera e desiderio di maternità. “Un risultato importante - sottolinea il Direttore delle Risorse Umane della Fondazione LMM, Dott. Antonello Sacco - raggiunto come naturale evoluzione integrativa e ulteriore sviluppo del lavoro svolto precedentemente dalla nostra struttura per l’ottenimento della certificazione della Parità di Genere conseguita nel mese dicembre 2023. Si afferma così tutto il valore dell’attenzione che l'IDI-IRCCS di Roma e la Fondazione Luigi Maria Monti dedica sia alla Parità di Genere sia alla Maternità".  L'Istituto Dermopatico dell'Immacolata è stato così inserito nell'elenco delle imprese e organizzazioni che hanno aderito al Codice. Questo documento richiede alle imprese di favorire la continuità della carriera delle madri, promuovere iniziative di prevenzione e cura dei bisogni di salute e adattare i tempi e i modi di lavoro alle esigenze della maternità. La Fondazione Luigi Maria Monti continua così lo sviluppo di politiche aziendali inclusive e di supporto, contribuendo a creare un ambiente lavorativo più equo e sostenibile per tutti i dipendenti. Per maggiori informazioni: Elenco delle imprese responsabili
Percorso Linfedema - Villa Paola

27 Maggio 2024

Nuovo progetto educativo per la gestione del linfedema: un approccio innovativo
In Italia, il linfedema rappresenta una delle complicanze più frequenti e impegnative nel panorama oncologico, con oltre 40.000 nuove diagnosi annuali. In risposta a questa crescente sfida sanitaria, la Fondazione per la Medicina Personalizzata (FMP) ha annunciato il lancio di un progetto pionieristico dedicato al linfedema. Un innovativo percorso di educazione terapeutica strutturato in collaborazione con la Fondazione Luigi Maria Monti e l'Istituto Dermopatico dell’Immacolata (IDI)-IRCCS di Roma. Un programma che mira a migliorare la qualità della vita dei pazienti e a ridurre il carico economico sul sistema sanitario.  

Il percorso educativo e terapeutico del linfedema

L'obiettivo di questo progetto è seguire 500 pazienti oncologici per cinque anni, guidati da un team multidisciplinare composto da medici, chirurghi, fisioterapisti, psiconcologi, radiologi, nutrizionisti, genetisti e bioinformatici. Questi specialisti sono impegnati a fornire un supporto completo e mirato ai pazienti, educandoli a gestire il linfedema in maniera efficace. Il linfedema, che si manifesta con sintomi quali gonfiore e ispessimento dei tessuti, può evolvere causando infezioni batteriche e disabilità fisiche e psicologiche, incidendo profondamente sulla qualità della vita dei pazienti. "Il linfedema degli arti non è solo un problema di salute secondario o un semplice danno estetico. Tende a svilupparsi in modo diverso nei pazienti e può manifestarsi anche anni dopo l'operazione chirurgica," spiega la Dott.ssa Federica De Galitiis, Direttore dell’UOC di Oncologia dell’IDI di Roma.  

Importanza della prevenzione e autogestione

Il percorso è progettato non solo per trattare il linfedema ma anche per prevenirne l'insorgenza. "Intendiamo migliorare la qualità della vita e al tempo stesso ridurre il peso della malattia sui sistemi sanitari," afferma il Prof. Paolo Marchetti, Presidente della FMP e Direttore Scientifico dell'IDI. La gestione del linfedema richiede un approccio integrato e proattivo, che la Fondazione Luigi Maria Monti e l'IDI stanno promuovendo con grande impegno. Il programma è un modello di cura che promuove la prevenzione e l'autogestione del linfedema. Questo approccio mira a ridurre i costi diretti e indiretti legati alla malattia e a diminuire la frequenza e la gravità degli episodi acuti, alleggerendo così il carico di lavoro degli operatori sanitari.   Nuovo progetto educativo per la gestione del linfedema

Visione a lungo termine e impatto del progetto

Con il sostegno dell'IDI e della Fondazione Luigi Maria Monti, il percorso di educazione terapeutica rappresenta un modello di riferimento nella gestione delle complicanze oncologiche in Italia. "Vogliamo arrivare a un nuovo Percorso basato su un approccio proattivo alla cronicità. È essenziale la sinergia di azione tra il personale medico-sanitario, i pazienti, i caregiver e le associazioni dei malati che insieme diventano parte integrante ed attiva di un percorso assistenziale condiviso," aggiunge la Dott.ssa Annarita Panebianco, Direttore Sanitario dell’IDI di Roma. In conclusione, il nuovo percorso offre una strategia concreta per affrontare una delle sfide più pressanti nel campo dell'oncologia moderna. Questo programma evidenzia l'impegno dell'IDI e della Fondazione Luigi Maria Monti nel promuovere la salute e il benessere dei pazienti attraverso l'innovazione e l'educazione.  
PHOTO 2024 05 15 14 31 03 9 - Villa Paola

16 Maggio 2024

Accordo di intesa tra la Fondazione Nostra Signora del Buon Consiglio e la Fondazione Luigi Maria Monti
Siglato in Albania l'accordo-quadro di collaborazione tra la Fondazione Luigi Maria Monti e la Fondazione Nostra Signora del Buon Consiglio. Entrambe le Fondazioni, ispirate dalla Congregazione dei Figli dell’Immacolata Concezione, mirano a fornire cura, educazione e assistenza seguendo il carisma del Beato Luigi M. Monti. L'accordo, firmato a Tirana dai presidenti P. Giuseppe Pusceddu e Fr. Ruggero Valentini, rafforza l'impegno dell'Istituto Dermopatico dell’Immacolata in Albania, consolidato in trent’anni di presenza della Congregazione dei Figli dell’Immacolata Concezione. Questa intesa favorisce la collaborazione con l’Istituto Dermopatico dell’Immacolata (IDI-IRCCS di Roma), punto di riferimento nel campo della dermatologia e delle malattie della pelle. L’ospedale “Nostra Signora del Buon Consiglio”, di Tirana, rappresenta una realtà emergente nel panorama sanitario albanese. Le due Fondazioni si impegnano a sviluppare ulteriori sinergie che includeranno anche progetti di formazione e scambio di competenze tra il personale sanitario delle due istituzioni. Questa collaborazione non solo rafforza il legame storico e spirituale che le unisce, ma rappresenta anche un’opportunità per condividere risorse e conoscenze, migliorando così la qualità dei servizi offerti ai pazienti.  Un esempio concreto di come la cooperazione internazionale possa contribuire al miglioramento delle condizioni di salute delle comunità.
WhatsApp Image 2024 05 08 at 12.39.01 - Villa Paola

08 Maggio 2024

Presentato alla Camera dei Deputati il Melanoma Day
Presentato ieri, alla Camera dei Deputati, il Melanoma Day, un evento nazionale dedicato alla sensibilizzazione sulla prevenzione del melanoma, un tumore maligno della pelle con un tasso di incidenza in continua crescita. L’incontro ha visto la partecipazione di autorevoli rappresentanti delle istituzioni, del mondo scientifico e dell'associazionismo, ed è stato moderato dal Prof. Aldo Morrone, direttore scientifico dell'IISMAS, e ha ricevuto il patrocinio della Sidemast, la società italiana di dermatologia, e dell'ADOI, Associazione Dermatologi Ospedalieri e della Sanità. Presente all’incontro anche l’Istituto Dermopatico dell’Immacolata con  gli interventi del dott. Francesco Ricci, Responsabile dell’unità Tumori Melanocitari e il dott. Luca Fania, Responsabile dell’unità Tumori Cutanei non melanocitari. Gianluca Pistore, ideatore del MelanomaDay e fondatore dell'Associazione MelanomaDay, ha sottolineato l'importanza dell'iniziativa, definendola "un'impresa impossibile, un'iniziativa senza precedenti per coesione e dimensioni organizzative, la più importante iniziativa di prevenzione del melanoma in Italia", ringraziando in particolar modo le associazioni pazienti per il loro contributo. L'On. Luciano Ciocchetti, vice Presidente della Commissione Affari Sociali della Camera dei Deputati, ha annunciato la presentazione di una proposta di legge per l'istituzione della Giornata nazionale per la prevenzione del melanoma cutaneo e altre disposizioni per la prevenzione e la diagnosi precoce della malattia. Questa giornata prevederà iniziative di sensibilizzazione e screening gratuiti per avvicinare la popolazione alle buone pratiche di prevenzione. A partire dall’11 maggio in tutta Italia si terrà il primo Melanoma Day nazionale. L’ evento è promosso da associazioni, Fondazioni, strutture ospedaliere e singoli individui e patrocinato dall'Intergruppo Melanoma Italiano, dall'Associazione Dermatologi Venereologi Ospedalieri Italiani, dall'Istituto Dermopatico dell’Immacolata e dalla Fondazione Melanoma Onlus, avrà lo scopo di sensibilizzare la popolazione sulle norme di prevenzione del melanoma. La prima giornata di screening gratuiti organizzati da Melanoma Day si è già confermata un grande successo. La tappa prevista per il 11 maggio a Sora, in provincia di Frosinone, è già tutta Sold-out, con circa 20 dermatologi professionisti che visiteranno ben 400. L'iniziativa ha suscitato un'enorme interesse, con più di 500 persone in lista d'attesa, desiderose di aderire e fare prevenzione insieme all'associazione.
Mani - Villa Paola

05 Maggio 2024

Giornata mondiale dell'igiene delle mani: un impegno per la salute
Oggi, il 5 maggio, si celebra la giornata mondiale dell'igiene delle mani, una iniziativa promossa dall'Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) per mettere in luce l'importanza cruciale della pulizia delle mani nella salute pubblica. Questa giornata è dedicata a sensibilizzare e promuovere la pratica quotidiana dell'igiene delle mani, riconosciuta come uno dei modi più efficaci per prevenire la diffusione delle infezioni e proteggere la salute individuale e collettiva.

Promuovere la salute attraverso la giornata mondiale dell'igiene delle mani

La corretta igiene delle mani è fondamentale per prevenire le infezioni correlate all'assistenza (ICA) e la trasmissione di microrganismi potenzialmente patogeni. Queste infezioni colpiscono circa il 7-10% dei pazienti, ma molti casi potrebbero essere evitati con pratiche igieniche adeguate. La prevenzione delle ICA non solo migliora la qualità dell'assistenza sanitaria, ma contribuisce anche alla lotta contro le infezioni resistenti ai farmaci. Lavarsi le mani correttamente impedisce la trasmissione di microrganismi responsabili di una vasta gamma di malattie infettive, dall'influenza al raffreddore alle infezioni ospedaliere.  

Campagna globale 2024 "Salva Vite: igienizza le mani"

La campagna "Salva Vite: Igienizza le Mani" promossa dall'OMS il 5 maggio, per la giornata mondiale dell'igiene delle mani, mira a mantenere alta l'attenzione sull'importanza cruciale dell'igiene delle mani in ambito sanitario. Questa pratica semplice, veloce e economica può salvare milioni di vite se eseguita correttamente nei momenti opportuni. Edizione 2024: Il tema  di quest'anno dell'OMS punta a "Promuovere la conoscenza tra gli operatori sanitari e lo sviluppo delle loro capacità attraverso una formazione professionale, innovativa e di impatto, sulla prevenzione e il controllo delle infezioni, inclusa l'igiene delle mani” e sottolinea l'importanza della formazione e dell'istruzione per ridurre la diffusione di patogeni pericolosi nel contesto dell'assistenza sanitaria. Giornata mondiale dell'igiene delle mani: un impegno per la salute

L'impegno dell'Istituto Dermopatico dell'Immacolata

L'IDI-IRCCS di Roma si impegna attivamente a sensibilizzare il personale sull'importanza cruciale dell'igiene delle mani. Nei primi mesi del 2024, l'IDI ha condotto una survey interna per valutare le pratiche e le percezioni riguardanti l'igiene delle mani tra i dipendenti. Questa survey offre uno sguardo dettagliato sull'atteggiamento e le pratiche degli operatori sanitari riguardo all'igiene delle mani e alla prevenzione delle infezioni correlate all'assistenza. Con il coinvolgimento significativo di circa il 30% dei dipendenti, lo studio fornisce una panoramica rappresentativa delle opinioni e delle abitudini all'interno della struttura. La partecipazione prevalentemente femminile riflette la composizione demografica del personale sanitario, con una forte rappresentanza degli infermieri, seguiti dai medici e personale OSS/OSA/OTA. È notevole osservare che la stragrande maggioranza dei partecipanti (92%) abbia completato corsi di formazione sull'igiene delle mani, suggerendo un investimento sostanziale nell'educazione e nella sensibilizzazione riguardo alle pratiche igieniche. La presenza diffusa del gel idroalcolico in tutti i reparti (100% di risposte positive) indica un impegno istituzionale per fornire le risorse necessarie a supportare le best practices sul tema. Inoltre, i punteggi elevati assegnati dai partecipanti alla percezione dell'importanza dell'igiene delle mani e alla leadership dei professionisti nella promozione di tali pratiche testimoniano un forte sostegno organizzativo e una cultura aziendale orientata alla sicurezza del paziente. I dati rivelano anche una consapevolezza positiva sull'efficacia dell'igiene delle mani nella prevenzione delle infezioni nosocomiali (punteggio medio 3.84/4), sottolineando l'importanza fondamentale di questa pratica nella attività clinica quotidiana. Inoltre, la valutazione positiva della direzione sull'importanza dell'igiene delle mani come priorità per la sicurezza del paziente evidenzia un allineamento strategico tra i professionisti sanitari e la leadership aziendale. In sintesi, la survey rivela un ambiente sanitario consapevole, impegnato e ben supportato nell'adozione e nella promozione delle pratiche di igiene delle mani come parte integrante della qualità dell'assistenza e della prevenzione delle infezioni nosocomiali.  

Video di sensibilizzazione

Gli studenti del corso di infermieristica dell'Istituto Dermopatico dell'Immacolata hanno elaborato, in occasione della giornata mondiale dell'igiene delle mani, un video educativo che mostra tutti i passaggi su una corretta igiene. [Clicca qui per vedere il video]